ALL’AMORE E AL DOLORE

Lorem ipsum dolor sit amet – consectetur adipiscing elit

Sabato 22 gennaio verso le tre del mattino, proprio nell’ora in cui l’energia dell’etere e dell’aria comincia a prendere in mano le redini dell’universo, ho ricevuto una visita inattesa. 

Sono stata assalita da crampi fortissimi alla pancia e dalla ferocia di un sangue avaro, scuro, che non voleva sciogliersi e si aggrappava con le unghie e con i denti ai cornicioni del mio palazzo ovarico. 

Ho capito subito che quel sangue non era il solito, veniva dal pianeta del Dolore.

La mia prima reazione è stata quella di “provare a gestirlo” con gli strumenti delle mie pratiche. Ed è così che si è aperta una crepa. 

Spesso si insiste sul valore inestimabile della tradizione, ma cos’ha da dire “lo yoga della tradizione” alle ovaie, alle vagine, alle parti rotonde, rimosse e segregate della comunità, a chi non avrebbe avuto accesso ai sacerdozi e ai palazzi nell’epoca in cui le altissime sfere sistemavano e definivano il loro sapere?

Questa crepa deve restare aperta e bisogna guardarci attraverso. La mia relazione con le pratiche spirituali è troppo viva perché io possa far finta di niente, o farmi bastare qualche frase consolatoria. Io queste cose voglio continuare a chiedermele, e voglio smetterla di sentirmi in colpa quando mi allontano dalla tradizione per cercare una risposta che da lì non può arrivare.

Esiste poi un’altra crepa, che non riguarda solo i corpi degli esclusi.

Che cosa ha da dire lo yoga al corpo umano, o meglio, cosa dice al corpo quando è più umano che mai, nella fase acuta del dolore?

La risposta che ho ricevuto più spesso dai miei maestri quando ho chiesto cosa fare di fronte al dolore è stata “Respira”. In un certo senso è vero che questa è la sola cosa da fare, ma non si può sottovalutare un risvolto importante, e cioè che il respiro non libera dal dolore, il respiro libera il dolore. Lo sprigiona.

Quando molliamo le tensioni che ci aiutano a contenere il male, dobbiamo essere pronti a vederlo moltiplicarsi, aumentare, crescere, divampare. La prigione di durezza che costruiamo attorno al dolore è una tecnica di sopravvivenza che non si può smantellare con superficialità.

Forse la verità è che nel dolore non c’è quasi nulla che si possa fare. L’ayurveda, per esempio, insegna a non toccare le parti dolenti, a non trattarle, a non intervenire mai quando il dolore si sta manifestando. L’azione umana può e deve rivolgersi al prima e al dopo, ma non al durante.

Quel durante contiene una forza mistica simile a quella delle divinità che non sono implicate in un rapporto d’amore con l’essere umano. Penso a Zeus che usa la folgore per “segnare” il suo eletto – fulminandolo lo favorisce, lo sceglie, lo illumina, in un certo senso.

Il dolore ha, in effetti, una proprietà illuminante e quando si manifesta accade per essere visto, e perché spazio gli sia ceduto. Anche se siamo tutti alla ricerca di tecniche e soluzioni, penso sia importante considerare che il dolore rientra fra le poche cose che non si possono far succedere o evitare con l’esercizio della volontà e dell’impegno. In questo è molto simile all’amore e alla vita. Vorrei citare anche la morte in questo breve elenco, ma la realtà è che sulla morte abbiamo più margine d’azione, non possiamo evitarla ma possiamo farla accadere.

È curioso che proprio domenica 23 gennaio, durante una mattina di formazione che ho seguito con un certo sforzo, l’insegnante di anatomia ci abbia raccontato che il dolore è uno dei motori fondamentali dell’esistenza. Quando arriva, gli animali si interrompono, il sistema non considera vantaggioso svolgere alcuna attività e sospende tutto, dalla caccia all’erezione. Tutto l’universo obbedisce all’amore e al dolore.

In effetti, proprio durante la notte del giorno prima, mentre provavo a gestire i miei crampi respirando e assumendo varie posizioni, ho intuito che quel dio spaventoso non era lì per essere gestito, ma perché da troppo tempo provavo a gestirlo. Non era lì nemmeno per parlare di noi due, ma per parlarmi delle altre parti dell’esistenza che funzionano come lui, della mia relazione con l’amore e con la vita.

Iscriviti alla Lettera Spaziale

La newsletter di Spazio Celeste

Altri post

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai una mail con tutte le info per partecipare alla pratica gratuita

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai una mail con tutte le info per partecipare alla pratica gratuita